skip to Main Content

Transizione Ecologica: approvata la Proposta di Piano

Il 28 luglio scorso il Ministro della Transizione Ecologica (MiTE) ha presentato la Proposta di Piano per la Transizione Ecologica (PTE) al Comitato Interministeriale per la Transizione Ecologica (CITE) che ha dato la sua approvazione.

Ora la Proposta è stata inviata alle competenti Commissioni Parlamentari per il prescritto parere, dopodiché dovrà essere sottoposta alla Conferenza Unificata per poter infine ricevere l’approvazione definitiva dal CITE.

Andiamo a vedere nel dettaglio cos’è questa Proposta di Piano per la Transizione Ecologica!

Partiamo dall’inizio, l’obiettivo è chiaro: raggiungere la neutralità climatica al 2050 e la riduzione del 55% delle emissioni di gas serra al 2030.

Affinché ciò sia possibile, il documento, che si integra con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), fornisce un inquadramento generale della strategia per la transizione ecologica individuando gli obiettivi da raggiungere e definendo il percorso metodologico.

La Proposta si articola quindi in cinque macro-obiettivi generali, condivisi a livello europeo:

  1. Neutralità climatica
  2. Azzeramento dell’inquinamento
  3. Adattamento ai cambiamenti climatici
  4. Ripristino della biodiversità e degli ecosistemi
  5. Transizione verso l’economia circolare e la bioeconomia.

All’interno di questa cornice sono poi stati individuati otto ambiti di intervento, per i quali verranno costituiti appositi gruppi di lavoro:

  1. Decarbonizzazione
  2. Mobilità sostenibile
  3. Miglioramento della qualità dell’aria
  4. Contrasto al consumo di suolo e al dissesto idrogeologico
  5. Miglioramento delle risorse idriche e delle relative infrastrutture
  6. Ripristino e rafforzamento della biodiversità
  7. Tutela del mare
  8. Promozione dell’economia circolare, della bioeconomia e dell’agricoltura sostenibile.

Transizione ecologica, rifiuti ed economia circolare

Non restano esclusi dalla Proposta l’economia circolare e la gestione dei rifiuti, essenziali al fine di compiere la transizione ecologica.

Si tratta di temi importanti che vengono ripresi all’interno del cronoprogramma di implementazione del Piano nel quadro delle misure del PNRR, sotto forma di traguardi da raggiungere.

Tra questi, ne riportiamo alcuni con scadenza a breve termine:

  • Realizzazione di nuovi impianti di gestione rifiuti e ammodernamento degli impianti esistenti
  • Strategia nazionale per l’economia circolare
  • Supporto tecnico alle autorità locali
  • Cultura e consapevolezza su temi e sfide ambientali
  • Programma nazionale per la gestione dei rifiuti.

In attesa dell’approvazione definitiva della Proposta ci auguriamo che le istituzioni continuino a mantenere alta l’attenzione su queste tematiche. Tu cosa ne pensi? Esponi le tue idee e opinioni con un commento sui nostri canali social!

Redazione

Gestione SOSTENIBILE reflui e rifiuti industriali.
Produrre meglio: con meno rifiuti

Back To Top
X